MAKSORA - Agenzia per il lavoro culturale e sociale
Русский
Italiano

XIV Letture di aprile «L’opera di F.M. Dostoevskij agli occhi del lettore del XXI secolo» Staraja Rus’

Home   |   Notizie

Potete iscrivervi per ricevere la nostra news letter mensile.




16.04.2012

Come sapete, a seguito del Concorso organizzato da Maksora sull’arte di Dostoevskij per i ragazzi delle scuole di Novosibirsk, al vincitore e’ stata offerta la possibilita’ di partecipare alle “Letture di aprile”, organizzate ogni anno dalla Prof.ssa T.A. Kasatkina, durante le quali professori e scolari sono invitati a discutere su una specifica opera del grande autore russo. Il vincitore e’ stato accompagnato da Katja Sidorova, responsabile del Centro Italiano di Cultura presso la NGNBO, che ha ospitato la conferenza finale del Concorso. Vi proponiamo una sua breve descrizione di quanto avvenuto in quei giorni.

“Quando arrivo a Staraja Rus’ ti senti trasportato indietro di qualche secolo, in un’atmosfera che ti ricorda Nekrasov, Fonvizin e naturalmente Dostoevskij, il cui unico bene materiale si trovate proprio qui: la sua dacha estiva.

Presso il centro culturale e di studi della Casa di Dostoevskij ogni anno si svolge un seminario intitolato “L’opera di F.M. Dostoevskij agli occhi del lettore del XXI secolo”. Grazie all’aiuto economico di Maksora abbiamo potuto partecipare alla XIV edizione delle “letture”, dedicate ai giovani, all’interno delle quali si svolge una conferenza, basata sulle relazioni degli studenti, una tavola rotonda su Il sosia e un seminario per gli insegnanti.

La conferenza non consiste solo in un resoconto sul lavoro svolto da parte dei partecipanti, ma e’ proprio una scuola. Una scuola per i giovani studiosi di Dostoevskij e per i loro insegnanti. Ogni relazione e’ stata discussa alla ricerca di nuovi punti di vista, di nuove modalita’ di lettura. L’oggetto preferito di questa ricerca nelle opere di Dostoevskij e’ il suo mondo spirituale, ma altrettanto interessanti sono gli strumenti utilizzati nelle sue opere, per esempio i percorsi del protagonista de Il sosia studiati sulla cartina di San Pietroburgo (Goljadkin si muove in tondo e rompe il cerchio solo nel finale, quando lo portano all’ospedale psichiatrico) oppure l’inaspettato e fresco paragone tra Goljadkin e Chadskim, che ha dato una nuova chiave di comprensione per capire il protagonista.

Il primo giorno e’ stato interamente dedicato al poema pietroburghese Il sosia e si e’ concluso con una tavola rotonda.

La tavola rotonda e’ stato un vivace scambio di riflessioni che ha permesso permette la nascita di nuove idee, nuove scoperte da parte dei partecipanti. Il piu’ bel risultato della tavola rotonda e’ stata l’insoddisfazione, una rinnovata sete di ricerca e il desiderio di continuare la discussione.

A conclusione dei lavori, il seminario. E’ stato uno scambio di esperienze tra gli insegnanti di scuola. Si e’ trattato di uno scambio di opinioni, introdotto da una rassegna di manuali scolastici da parte di T.A. Kasatkina, ma e’ stato soprattutto un infondersi a vicenda entusiasmo e tenacia.

Questi tre giorni trascorsi a Staraja Rus’ sono stati per me un’infusione di forza e fonte di nuovi strumenti per riprendere e approfondire il lavoro su Dostoevskij.

Progetti

Aprile 2013 -Pubblicazione del libro di Franco Nembrini “Di padre in figlio”

Di più »

Altri progetti »

Krasnyj Prospekt 200, tel.+7 383 335-73-20

Design by NooLab