MAKSORA - Agenzia per il lavoro culturale e sociale
Русский
Italiano

La Fiera dell’Educazione UchSib-2016 alla scuola materna 196: facciamo conoscenza con le tradizioni popolari

Home   |   Notizie

Potete iscrivervi per ricevere la nostra news letter mensile.




21.03.2016

Il 18 marzo siamo stati invitati a partecipare ad un evento organizzato dall’asilo 196 in occasione della Fiera dell’Educazione che si svolge in città in questi giorni. Olga Mihajlovna Zinina, coordinatore didattico, ha aperto l’incontro con le parole “Senza passato non c’e’ futuro”. Per partecipare alla Fiera, l’asilo ha proposto il tema “Lo sviluppo della creatività nei bambini in età prescolare attraverso la confezione di bambole di stracci”. Ci siamo immersi nell’atmosfera della tradizione popolare russa, delle feste e della vita di tutti i giorni. I bimbi più grandi ci hanno offerto una danza tradizionale, in costume (costumi acquistati nel quadro della collaborazione con noi). E il gruppo di canto folkloristico di Zaton ha eseguito un canto tradizionale in costume. Le educatrici hanno organizzato brevi laboratori per mostrarci come confezionare bambole e amuleti, ed sui davanzali era stata preparata con cura una piccola esposizione di lavori manuali. Le educatrici hanno spiegato che confezionare le bambole di stracci per i bambini e’ utile sotto diversi aspetti: e’ un modo efficace di conoscere le tradizioni popolari, permette di entrare in contatto con il mondo circostante, sviluppa la capacità di coordinare i movimenti e l’attenzione durante l’attività fatta insieme, secondo le indicazione fornite dalle educatrici stesse. Ci hanno raccontato che i bambini giocano con entusiasmo con le bambole fatte da loro e le trattano con maggior cura. Tutti gli ospiti (soprattutto genitori e nonni) hanno partecipato volentieri alle attività proposte, hanno ricevuto piccoli regali e osservato gli oggetti esposti. Ci hanno illustrato i vari tipi di bambole inventate via via dalla fantasia popolare ed e’ stato spiegato che una volta esse venivano fatte senza volto, un po’ perché i contadini poveri non avevano colori per disegnare occhi naso e bocca, un po’ per superstizione. Ringraziamo molto gli organizzatori e i partecipanti per questa bella festa e per quanto imparato.

20160318_114213.jpg

Progetti

Aprile 2013 -Pubblicazione del libro di Franco Nembrini “Di padre in figlio”

Di più »

Altri progetti »

Krasnyj Prospekt 200, tel.+7 383 335-73-20

Design by NooLab